MINISTERO DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

RELAZIONE ANNUALE

RESPONSABILE UNITÀ DI RICERCA

Anno 2005 - prot. 2005131559_004





Responsabile Scientifico dell'Unità di Ricerca: 

VERCELLI Alessandro

 
Università 

Università degli Studi di SIENA

 
Quota Cofinanziamento MIUR 

20.300 €

 
Quota Cofinanziamento ATENEO 

8.700 €

 
Cofinanziamento altri ENTI 

0 €

 
Totale finanziamento 

29.000 €

 



Illustrazione dell'attività svolta

1. Obiettivi della ricerca
Il progetto di ricerca dell’Unità di Siena è focalizzato sul tema “Produzione di conoscenza”, confluito nel complessivo progetto di ricerca nazionale sub D, ma che presenta notevoli sinergie con i temi C e E, già emerse nel corso del lavoro e confermate nel Workshop di Siena. In particolare ci si è proposti di sviluppare il seguente nucleo tematico:

Attività innovativa e la rete dei trasferimenti di conoscenza fra settori disciplinari
La nostra ricerca intende fornire un contributo alla comprensione delle caratteristiche strutturali della rete di trasferimenti di conoscenza fra i molteplici settori di conoscenza tecnologica disciplinare in cui si articola l’attività innovativa. In particolare, le “interfacce chiave di apprendimento” nella struttura di rete della conoscenza sono individuabili nei canali che risultano essere più attivi nella trasmissione di informazione visibile tra i nodi della struttura. Poiché la distribuzione dell’attività di R&S in una rete risponde alle opportunità di innovazione, è possibile sostenere che la distribuzione di lungo periodo dell’attività di R&S sia influenzata dalla topologia di rete, vale a dire, dall’architettura delle interfacce di apprendimento. La ricerca si propone di elaborare queste idee, sia sotto il profilo teorico che sotto quello empirico, utilizzando i concetti di modularità e di insieme auto-catalitico, quali recentemente discussi nell’ambito della teoria matematica delle reti.
Sotto il profilo teorico, ci si è posti in primo luogo l’obiettivo di elaborare un modello formale in cui la distribuzione settoriale della produzione di conoscenza ‘incrementale’ sia spiegata alla luce della struttura di rete dei trasferimenti di conoscenza. In secondo luogo, ci si è posti l’obiettivo di legare tale modello incrementale ad un modello più generale, in grado di spiegare l’alternanza di periodi di progresso continuo, dettato da una organizzazione di rete relativamente stabile, rispondente ad uno o più paradigmi ‘dominanti’, a fasi in cui l’affermarsi di nuovi paradigmi potenzialmente progressivi richiede una de-costruzione e ricostruzione della organizzazione di rete.
Sotto il profilo empirico, l’analisi della organizzazione strutturale dei flussi di conoscenza fra settori tecnologici può trovare riscontro utilizzando i dati sui brevetti e le citazioni fra brevetti. Si tratta di una prospettiva di analisi dei dati sui brevetti diversa rispetto a quella oggi prevalente, basata sul detentore dei diritti di del brevetto, piuttosto che sul settore tecnologico di appartenenza.

2. Risultati raggiunti e problemi

I principali risultati raggiunti dall’Unità di Siena sono i seguenti:

2a. Elaborazione di un modello formale di evoluzione della distribuzione intersettoriale delle innovazioni incrementali, a partire da una data struttura di rete della trasmissione di conoscenza visibile e sulla base della nozione di insieme auto-catalitico.

2b. Prima applicazione empirica delle idee sviluppate sub 2a alla matrice dei flussi di conoscenza fra settori tecnologici ricostruita a partire dai dati sui brevetti e le citazioni fra brevetti rilasciati dal US PTO nel periodo 1975-99. Tale indagine sulla struttura ed evoluzione del pattern di trasferimento di conoscenza tecnologica è stato in una prima fase condotto al livello di disaggregazione di 36 sottocategorie tecnologiche individuate dal NBER.
I risultati di cui ai punti 2a e 2b sono confluiti nel lavoro:

M. Caminati, S. Sordi, A. Stabile, “Patterns of Discovery”, Quaderni del Dipartimento di Economia Politica (QDEP) n. 473, Siena, 2006

Il lavoro è stato presentato, in una forma preliminare, al convegno annuale della EAEPE, Brema, novembre 2005 ed è attualmente in corso di revisione per la rivista internazionale Structural Change and Economic Dynamics. Sulla base dei commenti dei referees, si ritiene utile procedere ad approfondire e sviluppare la parte teorica di questo lavoro rendendola autonoma da quella empirica. Quest’ultima è stata già sviluppata nella direzione di cui al successivo punto 2c.

Alcuni dei temi menzionati al punto 2a. sono stati sviluppati nel prodotto non monitorato:

M. Caminati, 2006, “Knowledge Growth, Complexity and the Return to R&D”, Journal of Evolutionary Economics 16, 207-229.

2c. Analisi della struttura ed evoluzione della matrice dei flussi di conoscenza fra settori tecnologici sulla base dei dati di cui al punto 2b ed al livello di disaggregazione di 418 classi. È stato indagato in particolare il grado di modularità della matrice, sulla base di recentissimi sviluppi della teoria e misurazione delle reti sociali; mediante il concetto di insieme auto-catalitico, viene altresì individuato il nucleo trainante della creazione e trasmissione di conoscenza in un sottoinsieme di classi appartenenti alle tecnologie dell’elaborazione e comunicazione dell’informazione. Viene infine evidenziata l’evoluzione strutturale dei fenomeni oggetto di studio.

I risultati di cui al punto 2c sono contenuti nel lavoro:

M. Caminati, A. Stabile, “The Patterns of Knowledge Flows between Technology Fields: modularità, near-decomposability and auto-catalytic sets”, Mimeo, Siena, 2007.

Il lavoro è stato presentato nel corso del Workshop di cui al punto 3.


3. Altre attività

Singoli componenti dell’Unità di Siena sono impegnati anche su aree tematiche che non rientrano nel progetto locale, ma che si raccordano strettamente al progetto nazionale sub B1, B4, B5, F e G e ai progetti locali delle unità locali di Pisa, Ancona e Napoli.
Si richiamano nel seguito i contributi forniti dai componenti dell’Unità di Siena nelle direzioni indicate.

1) F. Drago, “Self-esteem and earnings”.
Research in psychology suggests a positive association between self-esteem and earnings. From the National Longitudinal Survey of Youth workers with measures of self-esteem above the median earn an average wage that is about 50 percent higher than that of those below the median. This paper suggests that the association between self-esteem and earnings is a causal relationship rather than simply a correlation.

2) S. D'Alessandro, E. Bilancini, “Functional Distribution, Land Ownership and Industrial Takeoff: The Role of Effective Demand”, QDEP n. 467, Siena, 2006.
Il lavoro è stato presentato in una prima forma preliminare al convegno annuale della EAEPE, Brema, novembre 2005, e successivamente nel giugno 2006 a Gerusalemme alla conferenza DEGIT XI “Dynamics, Economic Growth, and International Trade”. Si analizza come la distribuzione dei diritti di proprietà sulla terra influenzano l'industrializzazione e il reddito aggregato attraverso il lato della domanda. Ci si propone di sviluppare ulteriormente questo approccio aggiungendo un'analisi più dettagliata del ruolo dei salari nel processo di industrializzazione. Il nuovo lavoro sarà presentato nel prossimo workshop del progetto e al convegno finale del gruppo di ricerca.

3) S. D'Alessandro, “Non-Linear Dynamics of Population and Natural Resources: The Emergence of Different Patterns of Development”.
L’articolo è stato presentato nel giugno 2006 ad Ascona (Svizzera), Conferenza del CER-ETH su “Sustainable Resource Use and Economic Dynamics - SURED 2006”. Il lavoro è ora in corso di pubblicazione su “Ecological Economics”.

4) S. D'Alessandro, M. Pignatti Morano, “Modernization, Climate Variability and Vulnerability to Famines”.
L’articolo è stato presentato nel dicembre 2006 a Delhi (India), “Biennial Conference of Intern. Society for Ecological Economics on Ecological Sustainability and Human Well-Being”. Il lavoro analizza i meccanismi attraverso i quali la struttura produttiva può influenzare la vulnerabilità dei lavoratori alle carestie in una società caratterizzata da forte variabilità climatica.

5) M. Pignatti Morano, “Provision of public goods through participatory planning”. L'articolo è stato presentato ad Oxford nel settembre 2006, in un Workshop sullo sviluppo economico presso il Dpt of Development Studies. Il lavoro analizza il contesto storico e sociale dell'India rurale dopo che le riforme costituzionali hanno determinato una nuova forma di pianificazione decentrata. Il contributo è il punto di partenza per una analisi empirica che mira alla comprensione delle ragioni del sottodimensionamento delle forniture pubbliche nelle aree rurali dell'India centrale. Questo progetto si relaziona strettamente allo sviluppo del punto F del progetto nazionale.

6) T. Luzzati, “Natural environment and economic growth: looking for the energy-EKC” (con M. Orsini).
L’articolo affronta la questione del rapporto tra crescita e ambiente. Viene svolta una ricerca sull’ipotesi della curva di Kuznets ambientale tentandone una verifica in relazione all’energia, un indicatore raramente esplorato in questo ambito. Oltre a questo aspetto il lavoro contiene altri punti innovativi. Al fine di ottenere una stretta coerenza tra la ‘storia’ raccontata in letteratura per descrivere l’ipotesi e i modelli impiegati per verificarla empiricamente, il lavoro impiega il consumo energetico in termini assoluti e non pro-capite, nonché include solo il reddito pro-capite tra i regressori. Inoltre si sviluppa su una linea volta a verificare la robustezza dei risultati. A tal fine si confrontano da un lato i risultati di metodi parametrici e non parametrici, dall’altro si svolge l’analisi a diversi livelli, mondo nel suo complesso, singoli paesi, analisi cross-country. Il periodo di indagine è 1971-2004. I risultati complessivi mostrano come l’ipotesi di curva di Kuznets per l’energia non trova supporto nei dati. Il lavoro è stato presentato al 5th International Workshop su “Advances in Energy Studies”, Porto Venere, Italia, 12-16 settembre 2006. Una versione del lavoro è stata pubblicata come working paper del gruppo, numero 7, disponibile on-line su http://growthgroup.ec.unipi.it/workingpapers.htm.

Oltre alle partecipazioni già menzionate, i singoli componenti dell’Unità di Siena hanno partecipato e presentato loro lavori concernenti le problematiche affrontate dal gruppo di ricerca ai seguenti convegni nazionali e internazionali:

A. Vercelli, “Discretely proceeding from cycle to chaos on Goodwin’s path” (con S. Sordi), Workshop on “Effective Demand, Income Distribution and Growth”, Bremen, Germania, 10-12 novembre 2005. Il lavoro è stato poi pubblicato in Structural Change and Economic Dynamics 17, 415-436.

F. Drago, “Rebate or Bait? A model of regret and time inconsistency in consumer behavior”, Università di Bologna, Lunch Seminar, 10 maggio 2006; International Workshop on Behavioural Game: Theory and Experiments, 12-13 Maggio 2006.

S. Sordi, “On the complexity of growth cycles” (con A. Vercelli), Ecople Conference on “Economics: from Tradition to Complexity”, Capri, 1-2 luglio 2006.


L’Unità di Siena ha inoltre organizzato un workshop della durata di tre giorni (25-27 gennaio 2007) dal titolo: ECONOMIC GROWTH: INSTITUTIONAL AND SOCIAL DYNAMICS con il seguente programma:

Giovedì 25 gennaio
16:00 G. Cozzi, S. Galli, Half-ideas and growth with homogeneous labor
17:15 M. Caminati, A. Stabile, The pattern of knowledge flows between technology fields: modularity, near-decomposability and autocatalytic sets

Venerdì 26 gennaio
9:00 A. D’Agata, An adaptive multisectoral model with structural change
10:15 C. Talamo, Institutions, FDI and the Gravity Model
11:45 B. Jossa, Unemployment in a system of labour-managed firms
14:15 P. Commendatore, I. Kubin, C. Petraglia, Productive public expenditures in a New Economic Geography model
15:30 G. Guarini, Produttività del lavoro e conoscenza: un'analisi econometrica per le regioni italiane
17:00 Riunione organizzativa del gruppo PRIN 2005

Sabato 27 gennaio
9:00 M. Pomini, Endogenous growth and educational systems
10:15 L. Fanti, L. Gori, Regulated wage economy and taxation systems:a long run welfare and growth analysis
11:45 A. Lo Turco, South-South RTAs and industrial location


4. Obiettivi per il secondo anno del programma di ricerca

Sono in fase di predisposizione i seguenti lavori, che saranno completati nell’estate del 2007 e presentati al convegno internazionale, promosso dal gruppo di ricerca nella persona del suo coordinatore Prof. Salvadori, ed attualmente in fase di organizzazione.

1) A. Vercelli, M. Caminati, S. Sordi: “Complexity, modularity and technological evolution”
Il paper si propone di analizzare e mettere a confronto diverse nozioni e misure di complessità e modularità recentemente proposte dalla letteratura al fine di studiarne la rilevanza dal punto di vista della crescita della conoscenza tecnologica, con particolare riferimento all’emergere di innovazioni radicali. Verrà sottolineato in particolare come lo studio dell’evoluzione endogena di sistemi, sociali, tecnologici o biologici, talora rappresentabili mediante strutture di rete, abbia messo in evidenza alcune questioni che attraversano gli specifici domini di indagine:
a) Quali sono le diverse definizioni del concetto di modularità emerse nella letteratura sull’evoluzione dei sistemi biologici, tecnologici o artificiali e quali le implicazioni di tali diverse definizioni?
b) In che senso la modularità favorisce la capacità di evoluzione in un ambiente complesso?
c) Fino a che punto i vincoli posti dalla organizzazione pre-esistente e dalle circostanze storiche influenzano l’evoluzione futura? In altri termini, quali gerarchie organizzative sono in grado di favorire l’emergere di novità radicali, pur in un ambiente complesso e fortemente interrelato?
Si cercherà di affrontare le tali questioni, anche alla luce dei risultati degli altri lavori sul tema della crescita della conoscenza, contemporaneamente sviluppati dall’unità di Siena.

2) F. Drago: “Self-fulfilling beliefs and persistent inequality”
La ricerca intende offrire un modello teorico di disuguaglianza persistente in cui self-fulfilling beliefs sulla relazione tra sforzo e successo economico rappresentano la forza che determina un basso tasso di mobilità sociale. Seguendo alcuni recenti contributi (ad esempio Piketty, 1995) il paper prende come punto di partenza due teorie fondamentali che in sociologia spiegano i bassi tassi di mobilità sociale. La prima di Merton e Boudon sostiene che gli individui valutano la loro performance paragonandola ad un "reference group" dal quale provengono. In questa teoria, gli agenti che provengono dai ceti bassi sono più facilmente soddisfatti della loro performance e dunque meno motivati a raggiungere alte posizioni nella scala sociale rispetto agli agenti che provengono da ceti sociali più alti. La seconda teoria è quella di Bourdie che attribuisce la disuguaglianza persistente al "discorso dominante" nelle società capitaliste e al modo in cui questo
scoraggia gli agenti dei ceti più bassi ad intraprendere azioni dirette verso posizioni sociali più prestigiose. Un esempio è il ben noto modello di "statistical discrimination". Le due teorie hanno implicazioni di politica economica e di giustizia sociale ben differenti. Tuttavia in entrambe le teorie i poveri rimangono poveri perché non sono sufficientemente motivati ed in questo senso le maggiori implicazioni sono a livello econometrico "observationally equivalent". Il paper tenta di offrire un modello teorico che unisce in un unico framework queste due teorie. Il tentativo è quello di offrire un modello teorico che produca dei test empirici per discriminare la prima teoria dalla seconda.


L’Unità di Siena infine collaborerà attivamente:

1. all’organizzazione del Convegno finale del gruppo di ricerca nazionale programmato per il dicembre 2007,

2. alla predisposizione dei prodotti finali dell’intero gruppo di ricerca, costituiti o da volumi o da numeri unici di riviste di prestigio e alla successiva fase di editing degli stessi.




Schema riassuntivo dei fondi utilizzati (cifre spese)

Voce di spesa  Spese indicate
nella rideterminazione di base e/o rimodulazione 
Cifra spesa  Descrizione
 
Materiale inventariabile 

5.000

 

4.912

 

Mand. 417 23/05/06 Silog fatt. n. 362/06 10/02/06 - videoproiettore inv. n. 1327, € 1162,80
Mand. 418 23/05/06 Biagini Giulio & C. snc fatt. n. 406 29/03/06 - PC portatile inv. N. 1337, € 1200
Mand. 22 del 11/12/06 Biagini Giulio & C. snc fatt. n. 774 28/6/06-notebook inv. n. 1, € 2548,80

 
Grandi Attrezzature 

0

 

 

 
Materiale di consumo 

1.000

 

98

 

Mand. 418 23/05/06 Biagini Giulio & C. snc fatt. n. 406 29/03/06 - borsa porta computer e mouse, € 82,80
Mand. n. 3 del 20/02/07 fotocopie "Copisteria EMMECI", fatt. n. 365 del 29/12/06, € 15

 
Quota forfetaria certificata 

870

 

812

 

Trattenuta Ateneo, € 812

 
Spese per calcolo ed elaborazione dati 

0

 

 

 
Personale a contratto (escluse le borse di dottorato) 

0

 

 

 
Dottorati di ricerca a carico del PRIN 2005 

0

 

 

 
Servizi esterni 

2.130

 

 

 
Missioni 

10.500

 

3.296

 

Mand. 25 del 15/12/06 miss. ad ancona x workshop , € 273,11
Mand. 26 del 15/12/06 miss. a Capua x workshop LABSI, € 62,00
Mand. 27 del 15/12/06 miss. a Oxford x conferenza, € 255,16
Mand. 28 del 15/12/06 miss. ad Ancona riunione gruppo PRIN, € 180
Mand. 26 del 15/12/06 miss. a Bologna x presentazione paper, € 189,21
Mand. 28 del 15/12/06 miss. in Svizzera x conferenza, € 609,41
Mand. 28 del 15/12/06 miss. a Gerusalemme x convegno, € 881,64
Mand. N. 29 del 15/12/06 miss. a Portovenere x convegno, € 414,35
Mand. N.24 del 15/12/06 miss. ad Ancona x workshop gruppo Prin, € 196,32
Mand. 439 23/05/06 Miss. 65 a Pisa per riunione progetto PRIN 2005 17/18-03/06, € 131,98
Mand. 440 23/05/06 Miss. 64 a Pisa per riunione progetto PRIN 2005 17/18-03/06, € 102,26

 
Pubblicazioni 

1.500

 

 

 
Partecipazione / Organizzazione convegni 

7.500

 

2.717

 

Mand. n. 13 del 20/2/07, Trattoria "Fuori Porta", fatt. n. 9 del 27/1/07, € 990
Mand. n. 4 del 20/2/07, Collegio "Santa Chiara", Nota n. 101 del 1/2/07, € 1727

 
Altro 

500

 

 

 

TOTALE

29.000 

11.835 

  




Data 28/02/2007 12:57